La cochinita pibil : fusione di due mondi

Tagged with:

La cochinita pibil rappresenta per eccellenza l’incontro tra due mondi, il vecchio ed il nuovo continente si incontrano, si fondono e danno origine a questo nuovo piatto.

Il “Pibil” è una tecnica di cottura prehispanica che si utilizzava per cucinare le carni di cervo, cinghiale e fagiano, e prevedeva la cottura in un forno chiamato in lingua maya “pib”, che significa “infornato in”.horno pib

La cottura avveniva in un forno sottoterra la cui base veniva riempita di legna infuocata, la cuale veniva separata da cio che si sarebbe cotto da lastre di pietra su cui si adagiava la carne aromatizzata coperta con foglie per evitare fuga di calore e dispersione dei liquidi di cottura, a questo punto il forno veniva chiuso per mantenere inalterato di calore.

Con l’arrivo degli spagnoli in Messico si introducono nuovi frutti, cereali e carni, tra cui il maiale, che è l’ingrediente principale della cochinita pibil.

cochinita 2La cochinita pibil si prepara con carne di maiale lasciata marinare per almeno 12 ore con achiote, arancia e spezie per poi essere cotta in forno avvolta in foglie di platano.

Il condimento principale è l’achiote: si tratta di un colorante naturale ricavato dai semi della Bixa orellana, pianta originaria del continente latino americano, in origine, questo colorante si otteneva tritando i semi di achiote che venivano in seguito bolliti in acqua ottenendo cosi un liquido leggermente colorante, per ottenere invece un colore più intenso si ricavava una pasta colorante dalla macinazione degli stessi.

Gli indigeni messicani utilizzavano questa sostanza per tingersi il corpo ed il viso, dissolta in acqua serviva anche per pitturare i muri ed in piccolissime porzioni era utilizzato per tingere gli alimenti. L’achiote era anche utilizzato in medicina come diuretico o con effetti lenitivi per le bruciature.

 

Da domani, venerdi 09 ottembre 2015 torna a grande richiesta al Ristorante Veracruz questo delizioso piatto, vi aspettiamo per scoprirlo o riscoprilo per chi già lo conosceva!

 

Rispondi